Impianti di trattamento aria primaria UTA e VMC

foto: www.thomaseng.com

Unità di Trattamento Aria UTA o Centrali di Trattamento Aria CTA

Le UTA o CTA sono macchine complesse che da anni vengono usate in quegli edifici e attività che per esigenze di esercizio hanno la necessità di controllare le condizioni e i parametri dell’aria come temperatura, umidità e polveri.

Hanno quindi la funzione principale di migliorare la qualità dell’aria garantendo un corretto ricambio ed un controllo delle condizioni dell’aria negli ambienti di lavoro e di processo, con gli opportuni sistemi di recupero di calore sono anche in grado di garantire un efficiente risparmio energetico.

Negli anni lo sviluppo d queste macchine ha avuto un ruolo chiave nel miglioramento del confort e nel risparmio dei consumi negli ambienti di lavoro e nelle attività produttive.

Come detto quindi le UTA sono dispositivi che modificano le caratteristiche dell’aria ambientale e le adattano alle esigenze abitative e produttive.

Le UTA sono composte da diversi dispositivi ognuno dei quali gioca un ruolo chiave nel garantire il corretto funzionamento e di conseguenza la qualità del prodotto finale, la qualità dell’aria, vediamo da quali dispositivi può essere composta un’UTA:

  • Involucro esterno in pannelli di lamiera coibentati e insonorizzati divisi in sezioni;
  • Ventilatori di mandata e ripresa;
  • Serrande di regolazione per flusso e portata aria;
  • Batterie per riscaldamento e raffrescamento ad acqua;
  • Batterie di post e pre riscaldamento e raffrescamento ad acqua o espansione diretta (quando necessaria);
  • Una o più sezione filtri di diverse tipologie da filtri a tasche a filtri assoluti (a secondo dal tipo di filtrazione richiesta)
  • Una sezione di umidificazione (quando necessaria)
  • Un recuperatore di calore a flusso incrociato o di altro genere (quando indicato ma generalmente sempre consigliato)
foto: http://furnituresafes.com

Sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata VMC

Negli ultimi anni la progettazione di abitazioni ad alta efficienza energetica ha comportato la costruzione di edifici sempre più isolati termicamente con coibentazioni e serramenti di altissima qualità creando involucri ad altissima tenuta, gli involucri edilizi sempre più ermetici se non correttamente ventilati con l’apertura delle finestre creano problemi di formazioni di condensa e di conseguenza umidità e muffe.

Nasce quindi l’esigenza di trovare dei sistemi che possano risolvere il problema, questi sistemi sono gli impianti di ventilazione meccanica controllata (VMC)

Gli impianti VMC consentono il ricambio dell’aria ambiente con aria esterna in modo controllato senza sprechi di energia, l’aria esterna viene opportunamente filtrata dalle polveri inquinanti e viene immessa negli ambienti mentre l’aria esausta degli ambienti viene espulsa all’esterno, opportuni scambiatori di calore a flusso incrociato o di altro genere permettono il lavoro di ricambio con recuperi de energia fino al 70 o 90% garantendo così con il massimo risparmio energetico benessere e miglioramento delle condizioni ambientali evitando formazioni di condense e muffe.

Le VMC sono composte da diversi dispositivi ognuno dei quali gioca un ruolo chiave nel garantire il corretto funzionamento e di conseguenza la qualità del prodotto finale, la qualità dell’aria, vediamo da quali dispositivi può essere composta una VMC

  • Involucro esterno in pannelli di lamiera coibentati e insonorizzati divisiin sezioni;
  • Ventilatori di mandata e ripresa;
  • Un recuperatore di calore a flusso incrociato o di altro genere
  • Batterie di integrazione per riscaldamento e raffrescamento ad acqua oespansione diretta (solo in alcuni casi se previste dal progettista);

foto: http://www.ehtitalia.it

PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA

Per garantire la corretta efficienza di esercizio sia i grandi impianti di trattamento dell’aria con UTA/CTA che i piccoli impianti civili con VMC devono essere opportunamente progettati sia nel dimensionamento della macchina che nel dimensionamento e studio del sistema di distribuzione canalizzato.

Il sistema di distribuzione è fondamentale per garantire un corretto trattamento dell’aria, sia il suo dimensionamento, per garantire le corrette portate e velocità dell’aria negli ambienti che l’individuazione e il posizionamento dei punti di prelievo ed immissione dell’aria all’esterno e principalmente all’interno degli ambienti.  

Condotti di ventilazione

le condotte di ventilazione permettono la circolazione dell’aria in entrata e in uscita dagli ambienti. Alcuni tipi di condotte sono munite di isolamento acustico e di trattamenti igienizzanti per garantire una ulteriore qualità dell’aria ed evitare la diffusione di muffe e batteri.